Finanziamenti casa in calo nei primi nove mesi del 2012

I finanziamenti casa risultano essere in forte calo nei primi nove mesi del 2012. Stando a quanto emerge dal bollettino trimestrale condotto da Crif e MutuiSupermarket.it, infatti, durante i primi tre trimestri dell’anno in corso si sarebbe registrata una flessione del 44 per cento nelle erogazioni di prestiti e mutui casa, rispetto a quanto era stato rilevato nello stesso periodo dell’anno precedente. Il ridimensionamento si sarebbe avvertito altresì non solamente nel numero e nel controvalore complessivo dei mutui, quanto anche nel livello medio delle singole erogazioni.

Nel corso del terzo trimestre del 2012, infatti, l’importo medio dei mutui sarebbe stato pari a 131.032 euro, per il livello minimo degli ultimi sei anni. Particolarmente deciso è il calo delle richieste di surroga (cioè, dei mutui per sostituzione di altri mutui), che nel corso del terzo trimestre dell’anno rappresentano solamente il 10 per cento del totale, rispetto al 15 per cento di quota relativa allo stesso periodo del 2011.

Per quanto invece riguarda la tipologia tecnica di tasso, l’analisi evidenza una crescente richiesta dei mutui a tasso di interesse fisso, la cui quota di mercato passa dal 12 per cento del secondo trimestre 2012 al 16 per cento del trimestre scorso. Aumenta anche la durata dei mutui casa richiesti, oltre alla quota di mutui richiesti dagli over 55, che passano ad essere il 16 per cento del totale dei mutui, contro l’11 per cento dello stesso periodo del 2011.

Infine, sul fronte immobiliare il bollettino trimestrale segnala un calo del 25,3 per cento del numero delle compravendite nel corso del secondo trimestre 2012 rispetto allo stesso periodo del 2011, in peggioramento rispetto al – 19,6 per cento del primo trimestre dell’anno. Il valore medio degli immobili in garanzia scende a circa 190 mila euro, contro i 200 mila euro del 2010.