Prestiti per nuove attività imprenditoriali – Campania

Sul BURC -Bollettino Ufficiale Regione Campania- n°68 del 29.10.2012 è stato diramato l´avviso pubblico per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del fondo “Microcredito FSE Campania“, che stima la possibilità di ottenere un prestito a supporto della crescita economica, dell´occupazione e dell´integrazione sociale. Concretamente, il finanziamento potrà essere utilizzato per sostenere attivamente l’avvio di nuove attività imprenditoriali, per un importo compreso tra un minimo di 5.000 euro e un massimo di 25.000 euro, che potranno essere restituiti all’interno di un piano di ammortamento in 60 mesi a tasso di interesse zero, a partire dal settimo mese successivo alla sottoscrizione del finanziamento (preammortamento di 6 mesi).

Il finanziamento in questione potrà essere concesso anche per la realizzazione di nuovi investimenti nell’ambito di iniziative imprenditoriali già esistenti, purchè da parte di soggetti con difficoltà di accesso al credito e in condizione di svantaggio. I termini di presentazione delle domande sono compresi tra il 19 novembre e il 19 dicembre 2012.

Complessivamente, attraverso le risorse del Fondo Sociale Europeo, la Regione Campania destina 65 milioni di euro a sostegno dell´avvio e dell´investimento delle microimprese della Campania nei seguenti settori: servizi al turismo, tutela dell´ambiente, servizi sociali alle persone, servizi culturali, Ict (servizi multimediali, informazione e comunicazione), risparmio energetico ed energie rinnovabili, manifatturiero, artigianato e valorizzazione di prodotti tipici locali, attività professionali in genere, commercio di prossimità.
In particolare, dei 65 milioni di euro stanziati, 15 sono destinati alle attività di ricerca, 10 sono destinati ai giovani, ai disoccupati e alle donne, altri 10 al settore del no profit, 30 milioni per le iniziative volte a favorire l’integrazione sociale.

Il finanziamento in questione rappresenta pertanto una ghiotta opportunità per poter sostenere in maniera concreta le nuove attività imprenditoriali, e quelle già esistenti, guidate da giovani o donne.